Storia

L'azienda è nata nel 1954 per volontà del suo fondatore, prof. Antonio Di Carlo, dedicando il nome della stessa alla moglie Adriana Ferretti. Inizialmente la ditta individuale svolgeva attività di sola estrazione e lavaggio dei materiali, in un contesto in cui, le conoscenze in materia di meccanica ed elettronica erano molto limitate. La maggior parte delle macchine venivano progettate direttamente dal Prof. Di Carlo e assemblate dalla sua squadra di dipendenti. 

A partire dagli anni '80 la società conosce un periodo di graduale espansione, ottenuta attraverso l'ammodernamento degli impianti e l'ampliamento del parco macchine. Nel frattempo la compagine societaria si è allargata con l'ingresso del figlio del fondatore, Aldo Di Carlo, in società.

L'evoluzione che porta fino ai nostri giorni ha visto il potenziamento della fase commerciale, l'autorizzazione di nuove cave, l'acquisto di nuovi mezzi, l'ampliamento dell'offerta per la clientela con maggiori prodotti e un'ampia gamma di servizi.

Sostegno al territorio

 

Sagra della Porchetta di Campli
Sponsorizzazione al Campli Basket "Nino Di Annunzio"

Politica Ambientale 

 

La Inerti Ferretti ha da sempre a cuore la soddisfazione dei propri Clienti, in termini di qualità dei servizi erogati e del miglioramento continuo. L’Azienda si impegna fortemente nel cercare di raggiungere livelli di miglioramento continuo delle prestazioni ambientali in modo da rispondere prontamente a tutte le normative ambientali applicabili. A tal fine, la Direzione intende assicurare il perseguimento del suddetto obiettivo attraverso le seguenti azioni in materia di politica ambientale:

  • Prevenire l’inquinamento;

  • Osservare ogni legge, regolamento e normativa applicabile ai servizi e processi. Laddove tali requisiti non esistano o non siano adeguati, l’azienda si atterrà ai propri standard al fine di conseguire gli obiettivi globali che si è imposta;

  • Promuovere un’efficace politica della prevenzione e della protezione dell’ambiente nei confronti dei suoi impatti ambientali negativi;

  • Trattare, produrre, immagazzinare, trasportare, usare ed avviare a corretto smaltimento i residui derivanti dall’attività in modo tale da proteggere l’ambiente nonché la salute e l’incolumità dei dipendenti e del pubblico;

  • Tenere sotto controllo e ridurre ove possibile gli scarichi aziendali;

  • Effettuare periodiche valutazioni ambientali;

  • Tendere alla riduzione dei consumi di risorse naturali;

  • Adottare un sistema di gestione ambientale volto al miglioramento dell’impatto ambientale delle attività dell’azienda;

  • Adottare nella produzione e nell’erogazione del servizio e produzione di beni le modalità operative che causano un minore impatto ambientale;

  • Migliorare la formazione in materia ambientale di tutto il personale

Per il raggiungimento degli obiettivi definiti nella politica ambientale l’Azienda:

  • Effettua riesami periodici del proprio sistema di gestione ambientale;

  • Coinvolge nel modo più ampio possibile tutti i dipendenti;

  • Favorisce le nuove idee e le proposte migliorative;

  • Fa sì che ogni responsabile coordini i propri collaboratori, indirizzandoli verso il miglioramento continuo;

  • Attua il miglioramento professionale e culturale delle singole risorse a tutti i livelli tramite un Piano di Formazione volto all'effettiva crescita del personale;

  • Definisce e mette in atto programmi di gestione ambientale volti al miglioramento delle prestazioni ambientali.

L’azienda assicura che la politica ambientale venga:

  1. DIFFUSA mediante apposite riunioni di formazione/informazione e affissione della stessa nei locali dell’organizzazione.

  2. APPLICATA mediante verifiche ispettive.

  3. SOSTENUTA mediante la verifica dell'impegno e dei suggerimenti del personale volti alla sua attuazione.

  4. RESA PUBBLICA ALL’ESTERNO informando, ove richiesto, i responsabili amministrativi dei comuni limitrofi, Enti di controllo, amministrazioni e  associazioni ambientaliste che mostrano particolare interesse per tale tema e che ne facciano richiesta.​

Sponsorizzazione alla Teramo a Spicchi